paesaggio Marche

Hotel Fano
Hotel Miramare Inn Fano
Hotel Misano Adriatico
Hotel Italy Misano Adriatico
paesaggio Hotel Marotta
Hotel Miramare Marotta
Hotel Prestige
Hotel Prestige Marotta
Urbino

Urbino sorge su due colli dai quali si abbraccia un vasto panorama di verdi colline e montagne maestose.
Città natale di Raffaello Sanzio e Bramante, per la sua storia, i monumenti e per le opere artistiche che conserva è una delle mete principali del turismo mondiale.


E' una città con uno splendido passato ed il presente la vede sede di una prestigiosa Accademia di Belle Arti ed una tra le più importanti e antiche Università europee.

Se Firenze è stata la culla del Rinascimento, Urbino si può considerare la sua città ideale e la sua fisionomia immerge i visitatori in un'atmosfera unica, che già da sola vale una visita alla città.

Il centro storico è interamente costituito da costruzioni in mattoni cotti e racchiuso da imponenti mura bastionate; il suo cuore pulsante è rappresentato da Piazza della Repubblica, tradizionale luogo di incontro di urbinati, turisti e studenti.

Nella seconda metà del 1400 Federico II da Montefeltro fece di Urbino la capitale del ducato montefeltresco e la trasformò nella sede di una delle corti d’Europa più importanti; raccogliendo attorno a sè gli scrittori, i pittori e gli eruditi più famosi dell'epoca permise alla città di conquistare il culmine del suo splendore artistico.

La tradizione gastronomica di Urbino si rifà ai sapori decisi dei prodotti del territorio: tartufi, funghi, pasta fatta in casa, pregiate carni ovine e bovine, la caratteristica "crescia" perfetta per dare risalto al gusto di formaggi e salumi.

Intorno a Urbino un’ampia area boschiva percorsa da una fitta rete di sentieri, consente escursioni alla scoperta dei punti più suggestivi, delle aree di maggior pregio ambientale e dei castelli, delle pievi, dei conventi disseminati in tutto il Montefeltro.

L'artigianato artistico a Urbino vanta una lunga tradizione e in passato erano molti i nomi famosi tra i ceramisti, gli orafi, gli ebanisti, e gli artigiani edili come faleganmi, pittori, scalpellini e stuccatori.

Oggi la tradizione rimane viva nelle botteghe artigiane dove si può assistere alle lavorazioni seguendo tecniche antiche e dove si possono acquistare pregevoli manufatti.
Urbino è popolata da giovani e quindi è una città vivace e dinamica che offre un intenso programma di eventi culturali, mostre, mercatini, concerti, spettacoli e grazie ai numerosi locali di ritrovo non manca una brillante vita notturna.

DA VISITARE

  • Palazzo Ducale
    E' una delle più interessanti espressioni artistiche e architettoniche dell'arte rinascimentale italiana.
    Il grandioso palazzo, voluto da Federico da Montefeltro, è stato edificato su precedenti strutture medievali e si conforma perfettamente alla natura accidentata del terreno.
    Di particolare interesse il cortile d’onore, il Salone del Trono, lo scalone monumentale, il raccolto e spettacolare studiolo dove si possono ammirare alcune tra le più elaborate tarsie lignee del Rinascimento.
    Oltre agli opulenti ambienti di rappresentanza è consigliato visitare anche sotterranei dove erano ubicate la stalla, la selleria, la cucina, la lavanderia, la neviera ed il bagno del Duca.
    Il Palazzo Ducale è sede della Galleria Nazionale delle Marche dove sono esposte opere di Piero della Francesca, Raffaello, Luca della Robbia, Francesco di Giorgio Martini ed altri capolavori assoluti della storia dell'arte.
    Orario di visita: lunedì 8.30-14.00; dal martedì alla domenica e giorni festivi 8.30-19.15.
  • La Piazza del Mercatale
    In origine vi si svolgeva il mercato del bestiame ed oggi è il punto di accesso principale al centro storico di Urbino. Sul piazzale del Mercatale si erge un torrione al cui interno l'architetto Francesco di Giorgio Martini realizzò una rampa elicoidale che permetteva di raggiungere direttamente a cavallo il Palazzo Ducale.
  • La Casa di Raffaello
    La casa conserva ambienti e arredi originali oltre a decorazioni come un affresco realizzato da Raffaello in giovane età e un disegno attribuito al Bramante.
    Nell'ampia sala del primo piano si possono ammirare il pregevole soffitto a cassettoni ed un dipinto di Giovanni Santi, padre e primo maestro di Raffaello.
    Di interesse sono anche una collezione di ceramiche rinascimentali, monete, manoscritti e ritratti ottocenteschi.
    Orario di visita: 01 marzo/31 ottobre dal lunedì al sabato 9.00-13.00/15.00-19.00, la domenica 10.00-13.00; 01 novembre/28 febbraio dal lunedì al sabato 9.00-14.00, la domenica 10.00-13.00.
  • La Chiesa di San Francesco
    La prima edificazione risale al XIII secolo, rimaneggiata dall'architetto Luigi Vanvitelli nel 1742 conserva alcuni particolari in stile gotico.
    Di nota un affresco dei fratelli Salimbeni ed un dipinto di Federico Barocci.
  • Il Duomo
    La prima edificazione della Cattedrale di Urbino risale all'anno 1000, fu ricostruita nel XV secolo ed assunse il suo aspetto attuale, in stile neoclassico, alla fine del XVIII secolo.
    L'interno ampio ed elegante rivela l'impronta dell'architetto Giuseppe Valadier e tra i numerosi dipinti che l'arredano ci sono opere di Claudio Ridolfi, Raffaello Motta e Federico Barocci.
    Al di sotto della Cattedrale si trovano quattro cappelle, risalenti al XVI secolo, chiamate "Grotte del Duomo".

MANIFESTAZIONI

  • Festa del Duca
    Rievocazione storica in costume rinascimentale che si svolge il terzo weekend di agosto.
    Nata in occasione del centenario della morte di Federico II da Montefeltro, ogni anno riporta Urbino agli antichi splendori con la rievocazione storica di un episodio della storia del ducato e della Signoria dei Montefeltro.
    La festa conta su tutti gli ingredienti delle feste popolari dell'epoca: giocolieri, mangiafuoco, danzatori, acrobati, musicisti, tamburini, sbandieratori, balestrieri, corteo storico, prove di destrezza e torneo cavalleresco.
  • Festa dell'Aquilone
    La costruzione degli aquiloni è parte delle tradizioni di Urbino, la gara di aquiloni si svolge la prima domenica di settembre.
  • Voglie d'Autunno
    Tra la fine di settembre ed i primi di ottobre le bancarelle della mostra-mercato dei prodotti tipici locali invadono il centro storico di Urbino.