paesaggio Marche

Hotel Fano
Hotel Miramare Inn Fano
Hotel Misano Adriatico
Hotel Italy Misano Adriatico
paesaggio Hotel Marotta
Hotel Miramare Marotta
Hotel Prestige
Hotel Prestige Marotta
Loreto

Loreto è una deliziosa località delle Marche in provincia di Ancona, dalla sua posizione privilegiata, sulla sommità di un colle, si abbraccia un panorama che va dalle montagne al mare.
La città è protetta dalla maestosa cinta muraria cinquecentesca, progettata da Antonio da Sangallo il Giovane, rinforzata da quattro bastioni edificati nel secolo successivo.


Loreto è nata alla fine del 1200 sviluppando il suo tessuto urbano intorno al Santuario della Madonna che custodisce la Santa Casa, il luogo in cui la Vergine Maria nacque, visse e ricevette l'Annunciazione, una tra le più note e venerate reliquie della cristianità mondiale.

Loreto è principalmente una città di fede ma le stesse testimonianze religiose rappresentano anche un patrimonio artistico, storico e culturale di enorme valore.

Il territorio comprende una fascia costiera che offre la scelta tra le splendide cale rocciose del Conero e la spiaggia di sabbia finissima di Portorecanati, dotata di stabilimenti balneari attrezzatissimi.

Con i suoi campi da tennis, le piscine, le palestre, le infrastrutture per la pratica di diverse discipline sportive, Loreto è la meta ideale anche per gli amanti della vacanza attiva.

Ricca e variegata la tradizione gastronomica propone pesce freschissimo al quale si uniscono i prodotti della terra.

Tra le migliori ricette locali ci sono il brodetto di pesce, le olive all'ascolana, la crescia e il primo piatto più tradizionale delle Marche: i vincisgrassi, una sorta di lasagne al forno con verdura che a Loreto vengono preparate in una variante piu' ricca.

Loreto è anche un luogo dove le tradizioni del passato restano vive nell'artigianato, una delle attività più sviluppate della città. Oltre agli articoli religiosi nelle botteghe dell’antica Via dei Coronari si possono trovare graziose creazioni tessili e lavorazioni in ceramica, legno, argento, perfette come souvenirs.

DA VISITARE

  • La Basilica della Santa Casa
    L'ultima ricostruzione iniziò nella seconda metà del XV secolo, in stile gotico rinascimentale, con il contributo degli architetti più famosi dell’epoca tra i quali Baccio Pontelli, Bramante, Giuliano da Sangallo, Andrea Sansovino, Vanvitelli e Antonio da Sangallo il Giovane.
    Al suo interno è custodita la Santa Casa, la reliquia che ha reso Loreto celebre in tutto il mondo, impreziosita da un rivestimento marmoreo ideato dal Bramante e realizzato grazie all'apporto di diversi scultori.
    Per proteggere questo importante monumento del mondo cristiano, gli spazi circostanti e la stessa basilica furono progettati come un fortilizio.
    Una delle caratteristiche architettoniche peculiari della Basilica della Santa Casa infatti è che si tratta di una chiesa fortificata, con un camminamento di ronda sottotetto lungo tutto il perimetro della chiesa.
  • Palazzo Apostolico
    Il suo doppio ordine di logge incornicia deliziosamente la Piazza della Basilica.
    Progettato dal Bramante alla fine del '400 e realizzato con interventi di Giuliano da Sangallo il Giovane ed altri artisti, è stato ingrandito con il braccio che fronteggia la Basilica da Luigi Vanvitelli nel diciottesimo secolo.
  • Museo Pinacoteca della Santa Casa
    E' allestito al primo piano del Palazzo Apostolico, negli appartamenti Pontifici, e vi si possono ammirare oggetti preziosi e dipinti donati alla Santa Casa nel corso dei secoli e arredi antichi provenienti dal Santuario.
    La preziosa collezione di maioliche del Ducato di Urbino è costituita da un primo nucleo, donato dal Cardinale Giulio Feltrio della Rovere, realizzate da Orazio Fontana al quale si è aggiunta in seguito una raccolta di vasi realizzati dalla bottega dei Patanazzi. La raccolta include anche alcuni albarelli realizzati da Francesco Antonio Grue ed un insieme di statuine da presepe del diciottesimo e diciannovesimo secolo.
    Enormemente preziosa la collezione di gioielli che annovera la "Perla del Mar Rosso", in cui sembra effigiata la Madonna in volo su una nuvola, pescata nel diciassettesimo secolo e un Crocifisso in argento del Giambologna.
    In esposizione anche una splendida collezione di arazzi fiamminghi del XVII secolo disegnati a Bruxelles su progetto di Raffaello Sanzio, arredi liturgici, e oggetti di devozione popolare.
    La raccolta di dipinti include otto tele di Lorenzo Lotto e opere di Guido Reni, Pellegrino Tibaldi, Girolamo Muziano, Giuseppe Maria Crespi detto "Lo Spagnolo" e Cristoforo Roncalli più noto come il Pomarancio.
    Ingresso a offerta libera
    Orario di visita: da novembre a marzo aperto solo sabato e domenica 10.00-13.00/15.00-18.00
    da aprile a ottobre aperto tutti i giorni tranne il lunedì 9.30-13.30/16.00-19.00.

MANIFESTAZIONI

  • La Corsa del Drappo
    I giorni 7 e 8 settembre a Loreto si celebra la Madonna di Loreto con la fiera cittadina e lo spettacolo pirotecnico.
    Nel corso della festa si svolge la tradizionale "Corsa del Drappo". Deriva dall'antica usanza di provare i cavalli in una corsa in salita, prima dell'acquisto, durante la fiera del bestiame.